RMRecensioniMusicali

C'è più musica di quella che ci fanno ascoltare

Chi siamo

Ludovico Peroni

Sono dottorando in Storia dello Spettacolo presso l’Università di Firenze. Ricerco e mi interesso di analisi musicale, arti performative e, in particolare, di improvvisazione musicale. Affianco alla ricerca accademica la ricerca artistica componendo e praticando l’improvvisazione. Con l’ensemble QRO nel 2020 ho inciso “Il Sognatoio”, un’opera sperimentale legata alla Shoah. Sono da sempre interessato alla comunicazione e divulgazione scientifica in ambito musicale, musicologico e umanistico.

Federica Scassillo

Sono classe ’90 e dottoranda in Estetica presso l’Università di Roma “Tor Vergata”. Mi occupo delle nuove teorie atmosferologiche applicandole all’opera lirica italiana tra Otto e Novecento. Le mie aree di influenza e competenza sono, appunto, l’opera lirica di matrice nostrana (sono specializzata soprattutto in Giacomo Puccini), la Nuova Fenomenologia di H. Schmitz, la Nuova Estetica di G. Böhme e l’Estetica Patica di T. Griffero. Nel 2019 ho organizzato un convegno internazionale sul rapporto tra musica e atmosfere, germogliato poi in un testo di cui sono stata curatrice: Resounding Spaces. Approaching Musical Atmospheres (Mimesis International).

Alberto Ciafardoni

Classe 1990, tecnico luci, docente precario, appassionato di aneddotica.

Alessandro Luzi

Sono laureato in Lettere Moderne presso l’Università di Macerata. L’interesse e la passione per la musica hanno portato a specializzarmi in Musicologia. Mi diletto nella conduzione di un programma radiofonico presso una emittente locale fermana con approfondimenti riguardanti la musica, il cinema e la letteratura. Scrivo per riviste culturali e musicali. La curiosità è ciò che mi spinge a partecipare a questo blog. Desidero conoscere e descrivere i nuovi progetti musicali, restituendo quindi al lettore una mia chiave di lettura critica. Ho detto “lettore”? Bhè, non aspettatevi soltanto recensioni scritte.

Giovanni Baleani

Sono chitarrista, compositore e didatta e svolgo la professione di musicista dal 2009. Ho studiato, e cerco di farlo ancora, con alcuni jazzisti italiani che stimo – Fabio Zeppetella, Umberto Fiorentino e Ramberto Ciammarughi – e che sono fonti inesauribili di conoscenza. Ho frequentato il Conservatorio Morlacchi di Perugia sia come allievo che come didatta nei corsi preaccademici. Fin dall’inizio l’estemporaneità della musica e l’improvvisazione hanno totalizzato la mia curiosità. Ho diversi lavori discografici alle spalle sia come bandleader che come sideman. Il mio ultimo lavoro – scritto a 4 mani con il pianista Emanuele Evangelista – si intitola “Imperfetto Orario” (formazione Bardo 5et).

Riccardo Chinni

Sono nato a Roma nel 1982. Dopo le prime esperienze giovanili legate al mondo dell’hip-hop come Dj e beatmaker, inizio lo studio del basso elettrico presso l’Università della Musica di Roma, proseguendo poi presso il Centro Ottava dove ho studiato fino al 2011. Nel 2017 mi diplomo in basso elettrico jazz presso il conservatorio “Santa Cecilia” con una tesi di ricerca sull’estetica della performance nel processo musicale improvvisativo. Nel 2018 mi son trasferito in Spagna per proseguire gli studi con un master in Arte del Suono a Barcellona, concluso nel 2020. Nella figura di “artista sonoro”, che riunisce caratteristiche trasversali  nell’ambito del suono – di cui la musica fa parte – , mi occupo di sperimentazione nell’ambito del noise, della musica incidentale, del soundscaping e dell’improvvisazione radicale non idiomatica. 

Jacopo Strada

Sono dottorando in Musicologia presso l’Università di Macerata. I miei interessi di ricerca si concentrano sulla musicologia contemporanea, la filosofia estetica e sull’organologia. Grazie alla collaborazione con “Liuteria per Amore” (partner Eko) conduco il mio percorso dottorale approfondendo le questioni che legano la descrizione dei suoni musicali alle effettive proprietà timbriche degli strumenti. A tempo pieno invece ascolto, suono la chitarra, chiacchiero, mi diverto!

Emanuele Evangelista

Cinzia Campagnoni

Nata e cresciuta in un paese troppo piccolo che non esiste più.
Costruisco cose in carta, fotografo distanze in bianco e nero, cerco di disegnare le ansie.
Credo nelle imperfezioni, nelle anomalie e nelle dissonanze.
Mi piacciono gli gnocchi e gli insetti.
Sono allergica ai gatti.