Pubblicato su
http://www.close-up.it

La musica elettronica, oggi come non mai, è sofferente.
Soffre quell’ansia classificatoria che riesce a nascondere la pochezza del valore musicale (e musicologico) delle opere dietro etichette, neologismi e spicciolo (quando non elementare) simbolismo. Praticamente una bulimia preventiva.

Clicca qui per proseguire nella lettura.

Annunci