MIS – David Garcìa Aparicio

Continua il nostro viaggio nei linguaggi improvvisativi. Oggi andiamo in Spagna da un collettivo diretto con gestualità che sembrano richiamare molto il Soundpainting. Ne parliamo con David Aparicio Garcia, direttore del collettivo MIS. - Cos'è il progetto "MIS"? MIS (Movimento Insurrezione Sonora) è un progetto ideato da me e Mireia Tejero che ha come scopo... Continue Reading →

Annunci

I’M ANITa: Quando le etichette non bastano più

"Experimental Jazz-prog-rock-contemporary e cos'altro?" Ho sempre trovato della magnifica ironia nelle fatiche classificatorie di molto giornalismo: Etichette che descrivono etichette. Forse per questo ho sempre cercato di spingermi laddove esse non bastano più o, meglio, dove risulta proprio ridicolo utilizzarne; tante ne servirebbero. Gli I'M ANITA hanno una gestione della forma musicale che sembra di... Continue Reading →

Ad Hoc – Guilherme Peluci

Pur essendo argomento di nicchia, di Conduction a volte si sente parlare. è quella pratica di direzione (forse meglio "conduzione"?) di un'orchestra attraverso le gestualità fisiche di una figura, armata di lunga bacchetta. L'iniziatore della Conduction si chiamava Lawrence "Butch" Morris: figura molto particolare a cavallo tra il jazz e l'improvvisazione musicale di sperimentazione. Morris... Continue Reading →

Remo De Vico – Sinfonia N.3 – La Notte

Oggi si inizia ufficialmente il nostro nuovo anno di ricerche e nuovi contatti all'insegna della musica di ricerca. Quest'anno più che mai vorremmo dedicare la nostra attenzione alla riflessione sull'avanguardia, la ricerca e la sperimentazione: ciò che è più difficile raggiungere, indagare e condividere. Sarà una scelta folle (già lo so), ma vale la pena... Continue Reading →

In the Afternoon – intervista a Ludovico Carmenati

-Cosa significa fare un disco "jazz" nel panorama musicale di oggi?  Il significato di fare un disco è la risposta ad una particolare esigenza  di chi si dedica professionalmente all’attività musicale (intesa anche in senso più ampio come: l’insegnamento, l’attività concertistica) e di chi, come me, te e molti altri nostri colleghi, ha affrontato lo... Continue Reading →

Pierre Henry non è più cosa concreta

Giunto ad 89 anni, il compositore Pierre Henry decide di ultimare la sua opera più grande. Ci ha insegnato e mostrato come tutto può essere musica: dei respiri, degli oggetti oppure "un solo uomo". La musica concreta è l'arte di trattare ogni tipo di suono, se solo registrato, con la stessa dignità e profondità che... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑